La prima missione di Vodafone

novembre 27, 2006

Per collegarmi all’ultimo post sulle communities Vodafone, ecco finalmente arrivata l’email con le istruzioni per partecipare alla prima missione speciale.missione vodafone

ora… va bene il cavo telefonico (coerente con il resto della campagna), va bene dover filmare la scenetta insieme al compagno di squadra, ma il mezzo di locomozione speciale + luogo pubblico + storia pazza… non vi sembra di chiedere troppo?

e poi. scusate se sono veniale: cosa si vince?!

Blog per tutti

novembre 16, 2006

Mentre guardavo la posta sono stata attirata da un link sponsorizzato di Gmail.


Strano, ho pensato, devo essermi persa qualche notizia importante per strada. Nasce una nuova piattaforma di blogging e non ne so niente? Colmiamo immediatamente questa lacuna!

click.

argh.

mai visto niente di più abominevole… O_O

Non me lo tolgo dalla mente

novembre 6, 2006

Da quando ho segnalato Mycancerplace.com non riesco a pensare ad altro. Alla vera community utile.
Mi vengono in mente anche i forum di gravidanzaonline.it o di mammeonline.net in cui i futuri o novelli genitori si scambiano opinioni ed emozioni su qualsiasi tema riguardi l’avere un bambino. Sono davvero una miniera di informazioni e di supporto per chi si trova magari alla prima esperienza e cerca uno spazio in cui poter fare delle domande, cercare consigli…
Ma non è esattamente questo che ho per la testa. Quali esempi abbiamo in Italia di social networks di pubblica utilità? Siti che offrano un servizio di community non legato all’entertainment?

Credo seriamente che se l’idea mi rimane in testa ancora un po’, potrei, in un futuro prossimo, farmi promotrice di questo progetto, impegnandomi personalmente per realizzare un social network italiano dedicato ai pazienti oncologici.
In fondo, perchè no? Sono sicura che di persone disposte a collaborare ce ne sarebbero parecchie.
Che ne pensate?

foto di SleepyOwl

“Foto raduno the gate”

novembre 1, 2006

Per tutti quelli che sono arrivati a questo sito cercando nei motori di ricerca “foto raduno the gate” (grazie wordpress!), c’è una sorpresa per voi!
Ho finalmente messo su flickr tutte le mie foto del 2001 e 2002 dei raduni a cui ho partecipato.

Le trovate qui e qui 🙂

ex deghettiani, fatevi vivi 🙂

UPDATE: vi segnalo anche il sito di Maboh Doredhel, gli elfi di TheGate (che hanno continuato a radunarsi fino alla chiusura del MUD a settembre 2005), quello di Sagat, di Quade, di Domle

in più il novello forum creato da me qualche minuto fa per recuperare tutti i nostalgici del gioco Outside The Gate MUD

Mycancerplace.com è un social network americano alla myspace dove gli utenti non sono i soliti teen-agers esibizionisti o fashion designers (vedi Glamour di ottobre…), bensì persone malate di cancro.
Gli utenti non si scambiano video o mp3 ma esperienze, consigli e supporto psicologico. Nei forum e nei gruppi la gente parla delle cure che sta effettuando, della competenza di una struttura ospedaliera, oltre che a come vive la malattia giorno per giorno.
Ogni utente compila una pagina personale con il proprio profilo indicando la tipologia di cancro da cui è affetto e attraverso il motore di ricerca dedicato, può mettersi in contatto con persone che hanno la sua stessa patologia.

La trovo un’iniziativa molto intelligente e soprattutto utile, che si potrebbe esportare facilmente in Italia.
Perchè non aprire un’area community sul sito dell’Associazione italiana malati di cancro, parenti e amici oppure sul sito delle mille altre associazioni di questo tipo che operano in Italia?
E’ solo una carenza di fondi?

—-
tags: , ,

Revver vs YouTube

ottobre 6, 2006

Se i dati ancora non lo segnalano, perchè la maggioranza dei video che vedo linkati nei vari blog arriva da Revver e non più da YouTube?


In fondo, che cosa ha YouTube più di Revver a parte la popolarità e lo sterminato database? Niente.
Allora tanto vale uploadare i propri video su Revver visto che si viene pagati

A poco valgono i tentativi dello staff di Yahoo Answers per sensibilizzare gli utenti sul modo corretto di comportarsi sul sito.

La verità secondo me, è che in pochi hanno capito davvero a cosa serve.

Ho inserito diversi tipi di domande negli ultimi due mesi, ottenendo risposte immediate dagli utenti. Ma su 10 risposte solo 1 era vagamente attinenente al topic, le altre erano auguri, saluti o al massimo ‘commenti’ inseriti al solo scopo di far guadagnare più punti al proprio profilo. Con più di 200 punti si acquisiscono infatti dei privilegi e delle funzioni speciali, come ad esempio il poter valutare le risposte anche alle domande che non abbiamo inserito noi. E a quanto pare il fatto di aver inserito questo meccanismo di rewarding spinge gli utenti ad usare il servizio in modo improprio.

qualche esempio?

questa è una delle tante domande che si possono trovare:
“ciao ragazzi sto troppo male cavolo ho l’influenza parliamo un po…uffi un bacino a tt?”
oppure questa:
“lo sapevate che oggi è il compleanno di Francesco Totti?”

A quanto pare la gente prende Yahoo answer come una community come tante e anzichè rispondere alle (precise) domande poste, risponde con le proprie opinioni, supposizioni, quasi chattando.
Per quanto mi riguarda non userò più questo servizio.
Una sana navigata su fonti più autorevoli mi darà sempre dei risultati migliori.

—-
tags: , ,